Processo Tributario: termini sospesi dal 1 al 31 Agosto
26 Luglio 2016
Modello Organizzativo 231 e la responsabilità dell’impresa
26 Luglio 2016
Show all

Detrazione Spese mediche dai redditi

A chi spettano e quali sono le tipologie di detrazioni fiscali spese mediche riconosciute dall’attuale normativa? Vediamolo insieme.

Ai fini IRPEF è possibile detrarre le spese mediche sostenute durante l’anno di riferimento della Dichiarazione dei redditi, ma vediamo a chi spetta la detrazione, per quali farmaci e prestazioni e come si calcola. Ecco tutte le novità previste per il 2016.

A chi spetta la detrazione ?

La detrazione fiscale delle spese mediche sostenute durante l’anno cui si riferisce la Dichiarazione dei redditi, spetta ad ogni contribuente che abbia acquistato beni o servizi legati a prestazioni medico-sanitarie qualora sia stato raggiunto l’importo di 129,11 euro.

Ogni contribuente può, quindi, detrarre a fini IRPEF le spese mediche sostenute per se stesso e per i familiari fisicamente a proprio carico, come indicato dall’art. 433 del codice civile:

  • coniuge;
  • figli;
  • genitori;
  • generi e nuore;
  • suoceri;
  • fratelli e sorelle.

In alcuni casi è possibile detrarre anche le spese sostenute da familiari non a carico del contribuente e beneficiare, quindi, dello sgravio fiscale. Ciò è possibile, però, solo qualora il familiare non a carico possieda un reddito inferiore a 2.840,51 euro, abbia un’esenzione sulla spesa sanitaria pubblica (DM 329/99) e per la parte di detrazione che non riesce a rientrare nella Dichiarazione dei redditi propria del parente non a carico.

Quali sono i farmaci e le prestazioni detraibili ?

La detrazione delle spese mediche è possibile sia per beni che servizi legati all’ambito medico-sanitario. Nello specifico, sono detraibili:

  • prestazioni chirurgiche e ospedaliere (ricoveri, trapianti etc.);
  • analisi cliniche, radiografie;
  • prestazioni specialistiche;
  • acquisto di protesi dentarie e sanitarie;
  • prestazioni mediche generiche;
  • acquisto di farmaci;
  • cure termali prescritte dal medico (escluse la spese sostenute per il viaggio e durante il soggiorno).

Ricordiamo che tra le prestazioni chirurgiche e ospedaliere detraibili non figurano le operazioni a carattere solo ed esclusivamente estetico.

Per quanto riguarda i farmaci, è bene sottolineare che sono detraibili solamente quelli che sono classificati come medicinali (con bugiardino sottoscritto dal Ministero della Salute italiana), mentre non figurano parafarmaci, integratori alimentari e prodotti per bambini.

Come si calcola la detrazione ?

L’aliquota per il calcolo della detrazione relativa alle spese mediche è del 19% e l’importo da raggiungere per poter beneficiare dell’agevolazione è pari a 129,11 euro.

Quindi, per calcolare la detrazione è necessario:

  • sommare le spese medico-sanitarie detraibili, come suindicato;
  • sottrarre l’importo di 129,11 euro (somma che bisogna raggiungere per ottenere il beneficio);
  • calcolare sul risultato il 19%

Ricordiamo che con la Legge di Stabilità 2016, al fine di rendere più agevole ai contribuenti la compilazione della Dichiarazione dei redditi, non è più necessario conservare le ricevute fiscali di alcuni beni e servizi al fine di documentare le spese sostenute, (anche se consiglio di conservarle come prova), soprattutto nei casi in cui il modello 730/2016 venga modificato dal contribuente o dall’intermediario prima di essere trasmesso telematicamente all’Agenzia delle Entrate.

Dal 2016, infatti, sono le strutture medico-sanitarie pubbliche e private a dover inviare direttamente all’Agenzia delle Entrate le informazioni sulle spese medico-sanitarie dei cittadini attraverso il Sistema Tessera Sanitaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *